Domande più frequenti sulle coppette mestruali.

La coppetta sembra molto grande! È dolorosa la sua applicazione/estrazione?

Se tutti i passi vengono eseguiti correttamente e con prudenza, non si dovrebbe sentire alcun dolore. Donne che non hanno avuto ancora il rapporto sessuale possono all’inizio avvertire qualche piccolo fastidio, ma questo passa col tempo. La vagina è capace di dilatarsi per far passare la testa del neonato e la coppetta è molto più piccola. Per facilitare l’inserimento della coppetta, può inumidirla con l’acqua o con un gel lubrificante. Estraendo la coppetta, prema sul fondo della coppetta per liberare il sottovuoto quindi tolga attentamente tutta la coppetta.


Image 0

Qual‘ è la durata della coppetta?

La maggior parte dei produttori indica una durata di dieci anni. Teoreticamente ha una durata quasi illimitata, siccome è prodotta con la stessa tipologia del silicone medicale che viene utilizzato per gli impianti o le protesi del corpo applicati durante le varie operazioni mediche. L’acquisto di una nuova coppetta dipende solo da lei stessa. Le nostre coppette Yuuki sono coperte da una garanzia di due anni.

La coppetta può perdere?

No, se inserita correttamente e se svuotata regolarmente prima di risultare completamente piena. Una volta inserita la coppetta, deve leggermente far girare e tirare il suo gambo per verificare la presenza del sottovuoto che a sua volta fa aderire la coppetta alla parete vaginale.

Ogni quanto tempo devo svuotare la coppetta?

Dipende dal vostro flusso mestruale. Ogni donna ha un flusso mestruale diverso. Se il suo flusso mestruale è medio o forte, dovrebbe svuotare la coppetta nell’intervallo da 3 a 10 ore. Alcune donne con il flusso mestruale molto debole possono svuotare la coppetta solo dopo 12 ore.

Nei giorni con un flusso più forte dovrà svuotare la coppetta più frequentemente. Se provando la grande coppetta ha verificato di dover svuotare la coppetta ogni tre ore, vuol dire che il suo flusso mestruale è estremamente forte. Questo fatto non deve necessariamente significare un problema, comunque è consigliabile consultare il medico. Esistono dei preparati che aiutano a controllare il flusso mestruale così forte.


Noterò che sto usando la coppetta?

La maggior parte delle donne non ne sente la presenza, specialmente se hanno tagliato il gambo della coppetta. Alcune donne ne sentono la presenza, come sentono pure la presenza di assorbenti interni. La coppetta è morbida e se viene portata una corretta taglia e tipologia, in più correttamente inserita, non si dovrebbe avvertire alcuna sensazione dolorosa o fastidiosa.

Come posso accertare la corretta posizione e tenuta della coppetta?

Non inserire mai la coppetta rivolta direttamente veros l‘alto. La vagina è orientata verso l’ano. Quindi inclinare la coppetta in tale direzione. Per accertarsi, se la coppetta è ben fissata, basta prendere il gambo della coppetta e farlo girare leggermente, eventualmente passare con il dito sul bordo per verificare, se il bordo è di forma ovale.

Se la coppetta può essere girata, vuol dire che non è avvenuta la corretta tenuta. Provi a spostarla dolcemente verso l’alto e verso il basso. In tal modo viene aggiunta l’aria che a sua volta favorisce la corretta tenuta della coppetta.

Devo sterilizzare la mia coppetta?

È consigliabile. Quando usata, la coppetta dovrebbe essere ogni giorno lavata con l’acqua calda o pulita con la soluzione disinfettante. In ogni caso, occorre far sterilizzare la coppetta all’inizio di ogni ciclo mestruale oppure utilizzare il nostro infuser box - IB.

Come posso pulire la coppetta se mi trovo in un bagno pubblico?

Tolga e pulisca la coppetta nel modo abituale, come se fosse a casa, ma porti con sé una bottiglia di acqua o confezione della nostra soluzione disinfettante o una salvietta inumidita, per poter pulire la coppetta prima del suo uso successivo. Una corretta pulizia della coppetta va eseguita al ritorno a casa.

Una donna che non ha ancora avuto un rapporto sessuale può usare la coppetta?

Dipende solo da lei. La coppetta altera l’imene. Quindi se lei (o la sua famiglia oppure la fede) crede, che occorre conservare l’imene intatto fino al momento delle nozze, in tal caso dovrebbe aspettare e usare la coppetta solo dopo il primo rapporto sessuale. In tutti gli altri casi il suo uso è consigliabile.


La coppetta può incastrarsi o perdersi dentro la vagina?

No, se viene eliminato l’effetto sottovuoto, sarà facile toglierla. La coppetta è molto flessibile. Quindi, se elimina l’effetto sottovuoto correttamente, sarà molto facile estrarre la coppetta. È impossibile che la coppetta si perda dentro la vagina. Viene solidamente sorretta dai muscoli vaginali che creano una forma di boccola, dove viene „depositata“ la coppetta.


Ho problemi con l’estrazione della coppetta. Che devo fare?

La maggior parte delle donne non avrà problemi con l’estrazione della coppetta. In caso contrario, probabilmente non è stato eliminato l’effetto sottovuoto che fa aderire bene la coppetta. Prima provi di rilassarsi al massimo. Se non aiuta, provi ad accovacciarsi (in tal modo viene accorciato il canale vaginale) oppure chinarsi in avanti (come nel caso dei disturbi intestinali), per far raggiungere meglio la coppetta. Ma se è sicura di non poter togliere la coppetta senza rovesciare il suo contenuto, vada sotto la doccia, prema completamente la parete della coppetta quindi tolga la coppetta. La maggior parte delle donne si occupa del problema di rovesciare il contenuto della coppetta piuttosto che della sua estrazione. Comunque, l’estrazione è prioritaria. Naturalmente varie coppette funzionano un po‘ diversamente, ma ci vuole solo una certa pratica nell’estrarle.

È possibile prestarsi una coppetta, previa la sua corretta sterilizzazione?

A sorpresa, è una delle cose provate dalle donne che vivono nei paesi a basso tenore di vita. Comunque, la nostra ditta non lo consiglia. Specialmente nel caso di non poter provvedere ad una perfetta sterilizzazione della coppetta. Comunque, pure in caso di una perfetta pulizia, persiste il rischio, soprattutto se una delle donne soffre dei disturbi della salute, c’è il rischio di contagiare le altre donne.